Sito sezione

Organigramma

Sottocommissioni

Presentazione

Calendario

Storia

Libro verde

Esercitazioni

Emergenze

Articoli vari

Volontari

Iscriviti

Documenti

Monitoraggio e Meteo

Contatti

Foto

Facebook

Link

VOLA

Home

 

 

Calendario 2019

Sono disponibili presso la sede della Sezione i calendari della Nostra Unità di Protezione Civile.

Il ricavato verrà utilizzato per la manutenzione e l'acquisto delle attrezzature di P.C.

Chi fosse interessato è pregato di inviare la prenotazione in sezione.

 

"La realizzazione del calendario che vede come protagonisti i volontari dell’Unità di Protezione Civile della Sezione Alpini di Piacenza potrebbe essere visto come un momento “autocelebrativo” ma, conoscendo lo spirito dei nostri volontari, sono certo che non è assolutamente questo lo scopo, bensì quello di motivarci ulteriormente per migliorarci e darci la forza, anche attraverso le bellissime immagini che ci accompagneranno per tutto l’anno, per proseguire nel nostro impegno. Scorrendo le pagine e le fotografie i sentimenti che ci accompagnano sono i più disparati: dalla commozione per le tragedie ai sorrisi nel vedere tanti amici che fanno della solidarietà uno dei pilastri della loro vita, dall’emozione nel leggere i ringraziamenti delle persone per le quali siamo corsi in aiuto all’orgoglio di averlo fatto con il logo dell’Associazione Nazionale Alpini sulla divisa, e tanti altri sentimenti difficili da esprimere a parole e da descrivere.
Questa è la grande famiglia alpina, questi sono i valori in cui crediamo e per i quali spendiamo il nostro tempo, questo è l’amor patrio che esprimiamo non solo a parole ma concretamente!"

Buon Anno

Roberto Lupi

 

"Ho avuto un buon maestro: Franco Pavesi, che ha Coordinato prima di me, insegnandomi il Sistema di Protezione Civile ed è per questo che il primo ringraziamento va a lui. Un Ringraziamento ENORME va a tutti i Volontari che fino ad ora mi hanno seguito in questa esperienza; senza il loro appoggio e il loro aiuto non sarebbe stato possibile coordinare e portare a termine le varie emergenze Provinciali, Regionali e Nazionali. La mia prima emergenza in cui ho operato come semplice volontario è stata nel 2009, a seguito del terremoto a L’ Aquila e da allora è stato un susseguirsi di esperienze: Borghetto Vara, Bastiglia e Farini D’Olmo per l’emergenza idrogeologica; Finale Emilia, Caldarola e Montegallo per l’emergenza terremoto in Emilia e nel centro Italia ed in quest’ultima ho affrontato il terremoto da coordinatore. E poi tante altre che mi hanno formato a livello umano e professionale, lasciandomi un bagaglio di esperienza alle spalle che, seppur grande, è ancora insufficiente, in quanto ogni emergenza è a suo modo differente dalle altre. Ho avuto tante soddisfazioni, soprattutto umane, dalle persone, dai bimbi che erano ospiti nei campi di accoglienza, dagli alunni delle scuole a cui presentavamo gli Alpini e la loro Protezione Civile. Le varie specialità menzionate nel calendario sono il nostro fiore all’occhiello. Un capitolo a parte lo voglio però dedicare alla Specialità AIB (anti incendio boschivo) a me particolarmente cara. E’ dal 2010 che opero in questa specialità e nel 2011, grazie a Francesco Morzenti, referente AIB della Colonna Mobile Nazionale ANA, abbiamo potuto perfezionarci facendo dei corsi di aggiornamento avanzati tra i quali l’elisbarco, una specialità dell’AIB che permette di portare le squadre in quota attraverso l’elicottero così da accorciare i tempi di spegnimento con le varie tecniche. Ad oggi in questa specialità contiamo 20 volontari formati al monitoraggio di incendi e ad intervenire sul fronte fiamma. Abbiamo partecipato anche al gemellaggio tra l’Emilia Romagna e la Puglia, dove da diversi anni operiamo a Vico del Gargano per la tutela della foresta Umbra nel Parco Nazionale del Gargano e a Campi Salentina, nel Salento, in appoggio alle squadre pugliesi in difesa del territorio. Durante questi gemellaggi le nuove leve perfezionano le più avanzate tecniche di spegnimento e la lotta all’incendio boschivo. Un grazie va anche al Presidente Roberto Lupi, che dandomi fiducia mi ha permesso questa esperienza supportandomi e… sopportandomi. Si, perché non ho esattamente un carattere mansueto come lui vorrebbe! Grazie Roberto per capire le nostre problematiche."

Maurizio Franchi (Lupo Alpino)